Noi s’entra nelle persone per di là, dai nomi

Haibatullah Akhundzada, Abdul Ghani Baradar, nomi difficili da leggere, per noi. Ancora più difficile capire cosa pensano questi nomi. Le cronache in cui sono inseriti diventano dei luoghi in cui è facile perdersi, di sicuro si perde il sentiero per il quale si ci si è arrivati, il giornale. Questo il tramite. Non ci sono altri tramiti. I libri? Difficile aprire un libro con questi nomi che non entrano in testa. E allora…

Read More