Care vecchie scarpe…

La cosa più difficile è adattare delle scarpe o delle ciabatte a dei piedi fragili e dolenti – resi tali da cattive abitudini, età, malattie. Se vi fermate davanti a tutti i mercatini come l’innamorato che non ha ancora trovato l’anima gemella, rischiate di riempire il ripostiglio di centinaia di scarpe e di non avere abbastanza spazio per contenere una incontinenza che sul momento sembra giustificata dalle rinunce ad andare: a piedi, certo. L’auto non sodisfa il desiderio di vedersela da sé.

La cosa più strana è che dopo aver comprato delle scarpe nuove si può tornare a preferire le vecchie – quelle che si portano ai piedi da anni e che sono in ottimi rapporti con ESSI avendo capito il loro linguaggio – scusa, signora Scarpa, potresti allargarti un po’ di qua? Scusa potresti mantenermi più saldo a sinistra? Lo so che ho un calletto e che è colpa mia non tua, cioè della Scarpa che sei, ma devo riconoscere che faccio di tutto per ignorare i doloretti che mi provoca camminare con Voi scarpe ai piedi –
E così, si passa dal tu al voi, ché non si sa mai, talvolta le cose sono più sensibili di altri mondi, si prestano volentieri alle cortesie, azzardano un rendez-vous, un connubio, perché no?
Quando non si riesce più a muoversi con grazia e portamento vigoroso, ci si augura di entrare veramente in rapporto con l’anima delle ancelle di cui ci circondiamo durante il giorno accordando loro perfino la possibilità di eleggerle a… Regine, perché no? Visto l’aiuto che viene soprattutto da loro se non volete starvene sdraiati pancia all’aria e…

Lasciamo perdere. Quando è difficile girare intorno all’isolato, quando ci si sente isolati senza essere né giri né girini, ci si abbondata alle fantasie più turpi e… si accusano più facilmente quelli di cui si riconoscono i passi sotto e sopra la testa…gente a cui si vorrebbe… i piedi… per… per…
Fare non so cosa, scegliete voi, Vecchie Scarpe, voi che siete fin troppo sagge quando mi dite di non abbandonarvi in un angolo del… del cielo, ciel, cielo….


Vito Ventrella

Leave a Comment